Le aziende europee con un Innovation Outpost in Silicon Valley

scenario

Secondo un report recentemente pubblicato da Mind the Bridge, società attiva nella promozione dell'imprenditorialità e particolarmente impegnata nella creazione di un "ponte" fra la Bay Area e le aziende, sono 44 le aziende europee che hanno un "innovation outpost" nella Silicon Valley, includendo quelle che hanno almeno una persona full-time in loco (non sono considerati insediamenti con funzioni esclusivamente produttive e/o commerciali).

L'impatto dell'attività di Competitive Intelligence sul processo decisionale: i risultati di una ricerca

equilibrio

Non sempre chi si occupa di Competitive Intelligence (CI) riesce a guidare - o quantomeno a influenzare - il processo decisionale in azienda; a volte questa attività è un mero esercizio di raccolta di informazioni, utilizzato per confermare piani d'azione che sono stati già identificati o dare supporto a piani di breve termine, con poca valenza strategica.

I risultati di quelle aziende in cui l'analista di CI riesce ad affermare il proprio ruolo e a indirizzare le decisioni del top management sono però evidenti e misurabili, sia in termini di competitività che di profitto.

Innovation Coach: un formatore "fuori dagli schemi"

open innovation

Per facilitare il processo d'innovazione e renderlo il più possibile efficiente, si è sviluppata in alcune multinazionali e nei settori tecnologici più avanzati, una nuova figura, l'Innovation Coach, un vero e proprio "allenatore" all'innovazione per singoli dipendenti, gruppi aziendali e team cross-funzionali. In Italia è una figura ancora poco riconosciuta che si sta gradualmente inserendo nelle aziende caratterizzate da un contesto di mercato più turbolento dal punto di vista dell'innovazione tecnologica.

Le aziende si trovano oggi ad operare in un contesto tecnologico vivace e in continuo cambiamento, dove l'innovazione di processo e di prodotto è fondamentale per acquisire nuovi clienti, mantenere quelli attuali e cogliere le nuove opportunità che il mercato presenta.

A volte non è chiaro a chi debbano essere affidate le redini del cambiamento per mantenere attivo e costante il processo d'innovazione, sia all'interno che all'esterno. Anche i manager aziendali, che sono al corrente delle decisioni e perfettamente in linea con il top management, non sempre riescono a essere i propulsori del processo innovativo perché troppo concentrati sulle gerarchie aziendali, sulle scadenze e sui risultati di breve termine. Quindi:

Chi può farsi motore del processo innovativo in modo efficace e collaborativo?

Chi è in grado di sviluppare idee in linea con le esigenze del mercato rispettando anche i tempi di sviluppo?

L'industria 4.0 spinge il business dei distretti

Il settore dei distretti industriali italiani sta registrando una forte dinamicità, così come evidenziato della nona edizione del rapporto annuale di Intesa Sanpaolo che analizza l’evoluzione economica e finanziaria delle imprese distrettuali negli ultimi otto anni (2008-2015), ponendo attenzione all'innovazione e alla diffusione delle tecnologie digitali.

Front end innovation: cos’è il modello dei 7 criteri di valutazione?

7Criteri EXE WEB Sfondo Bianco

Il Modello dei 7 Criteri è la formalizzazione e la sistematizzazione di un processo mentale che tutti seguiamo quando dobbiamo valutare un’idea di business.

È un approccio pratico e concreto attraverso il quale è possibile:

  • Capire quali parametri è utile tenere in considerazione nella valutazione di un’idea innovativa secondo i propri obiettivi strategici
  • Misurare l'efficacia dell'idea innovativa
  • Comparare le diverse idee innovative secondo il loro potenziale di sviluppo e successo

La cultura dell’innovazione nel 2017: in atto un restyling?

real time CI

Secondo alcune previsioni, pubblicate in rete, di un manager che si occupa di innovazione e strategia in una grande azienda multinazionale dell’informatica, le aziende rivedranno la propria cultura imprenditoriale in merito all’innovazione,  focalizzandosi più a elaborare nuove soluzioni e meno alla crescita di mercato. 

L’Analisi funzionale per l’Innovazione

innovation word crowd

Il più delle volte la vera sfida non è essere innovativi ma esserlo in modo continuativo e strutturato, con un’attenzione costante agli obiettivi da raggiungere.

Anche e soprattutto per un’azienda, essere creativi non significa necessariamente vivere nel caos. Le aziende che possiedono un metodo e utilizzano strumenti in grado di organizzare e gestire il processo d’innovazione riescono ad essere molto agili e flessibilicon un flusso innovativo continuo e in linea con le richieste del mercato.

La conoscenza di modelli e metodi per l’innovazione sistematica consente di assistere e supportare in modo strutturato e scientifico i processi d’innovazione tecnologica, il processo di sviluppo di un nuovo prodotto e in generale l’attività di Ricerca e Sviluppo all’interno dell’azienda.

In visita alla Fabbrica dell’Innovazione di Saipem

Nell’ambito del progetto dei Gruppi di Lavoro organizzati da Strategie&Innovazione al termine della giornata “Gestire e misurare l’innovazione” tenutasi lo scorso ottobre la scorsa settimana siamo stati ospiti di Saipem (una delle aziende che ha aderito al progetto).

Abbiamo visitato la Fabbrica dell’Innovazione, un nuovo “incubatore di idee”, presso la sede aziendale di San Donato Milanese (Mi),  nato con l’obiettivo di ripensare le modalità e i tempi attraverso i quali si ottiene l’innovazione, anche in un settore consolidato come l’oil&gas ma in profondo cambiamento.

La Fabbrica dell’Innovazione è costituita da una squadra cross-funzionale di giovani, con età media di 30 anni, provenienti da diversi ambiti di lavoro, tutti selezionati in base alla loro propensione all’innovazione, alla creatività e alla collaborazione.

Chi cerca trova e…con il tempo s’impara!

Dopo anni di ricerche e analisi sull’ambiente competitivo e di mercato abbiamo sperimentato che si deve sempre cercare di utilizzare uno schema di ricerca strutturato e organizzato, avendo ben chiaro l’obiettivo da raggiungere, per quanto possa essere confusa e poco definita la richiesta di un’informazione.

Di seguito alcuni consigli basati sulla nostra esperienza e confermati dall’attività di esperti in Market & Competitive Intelligence che speriamo possano essere d’aiuto nella vostra attività quotidiana di ricerca delle informazioni. 

Strategie & Innovazione: il programma 2017

Strategie&Innovazione, oltre a sviluppare i temi che l’hanno contraddistinta in questi anni, nel 2017 propone di affrontare insieme alcuni di questi come l'Innovation Audit, il modello di Strategic Roadmapping e le tecniche di Market, Technology & Competitive Intelligence.

Fissando l’incontro di approfondimento o iscrivendosi agli eventi del 2017, le sarà offerto

un assessment gratuito del processo di innovazione della sua azienda

Gestire e Misurare Innovazione: Progetto Gruppi di Lavoro 2017

Al termine della giornata “Gestire e misurare l’innovazione” tenutasi il 5 ottobre 2016, tenuto conto dell'interesse espresso dai partecipanti, sono stati formati tre gruppi di lavoro sui seguenti temi:

1. Strategic Roadmapping/Technology Roadmapping

2. Front End Innovation: generazione e valutazione delle idee

3. Innovation Leader (coordinato da Egon Zehnder con il supporto di Strategie & Innovazione)

L’obiettivo dei tre Gruppi di Lavoro, ciascuno composto da circa 10 persone provenienti da diverse aziende non concorrenti, è ragionare in modo pratico su alcuni temi attraverso il confronto con altre realtà, lo studio della letteratura e gli stimoli proposti dal facilitatore e coordinatore del Gruppo (un professionista di Strategie&Innovazione).